I Belive in a better way!

Pubblicato il 30 Marzo 2006 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


Ma voi… cosa gli fareste a Ben Harper???
hiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!

I’m a living sunset
Lightning in my bones

Push me to the edge
But my will is stone

Fools will be fools
And wise will be wise
But i will look this world
Straight in the eyes

What good is a man
Who won’t take a stand
What good is a cynic
With no better plan

Reality is sharp
It cuts at me like a knife
Everyone i know
Is in the fight of their life

Take your face out of your hands
And clear your eyes
You have a right to your dreams
And don’t be denied

I believe in a better way

Non ho tempo, non ho tempo! Non ho tempoooooooooo!!!!!!!

Pubblicato il 28 Marzo 2006 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


Vorrei tanto passare più spesso dalle vostre parti, alcuni di voi scrivono in modo davvero fenomenale e io non trovo il tempo di andare a leggere come vanno le vostre vite :(

Vi chiedo scusa per questo, ma se il mio titolare, entro l’anno, dovesse degnarsi di comprare il router per connettere l’unico pc dell’ufficio che non è stato rubato, beh sarete i primi a saperlo, perchè mi vedrete rispuntare sui vostri blog, e direte “Ohhh noooo ancora??? Cheppalle!” :D
Ma quanto vi adoro!!!

Il mio secondo herpes pare debellato, mi hannod ato delle pastiglie fortissime, che ovvio amente mi hanno fatto male.
Venerdì mentre ero in gro con Neo, la Paccy, il Fabiera, Lelluser e compagnia cantando mi son sentita male.
Ho preso a tremare fino a quando il povero Neo mi ha dovuto riaccompagnare guidando la mia macchina, perchè non mi reggevano le ginocchia e le mani non stringevano il volante!
Il povero è pure dovuto andare via a piedi, da bravo cavaliere, e fortuna che abita abbastanza vicino alla MagdaCasa!

Sabato ero un pò una frittella di donna…
Fortuna che la NeoCasa mi ha ospitato per una serata rilassante all’insegna del nostro film preferito: I Goonies!
Non lo vedevo da secoli, ma facevamo a gara a ricordarci le battute prima che gli attori le pronunciassero, e c’è stata anche una scommessa sul nome dell’uomo con i pezzi della faccia mischiati…
Ovviamente non ho indovinato, e tanto per cambiare l’ho ri-dimenticato!

Domenica, nonostante l’herpes non ho rinunciato al sole del Poetto.
C’era così tanta gente che non si riusciva a spedire gli sms, le celle erano completamente intasate di Cagliaritani che mandavano sms per far morire di invidia i loro poveri e sfigati amici che non potevano essere in spiaggia a quell’ora!

Ieri finalmente è arrivato il nuovo MagdaTelefono, un bel Nokia 6630, al quale ho subito trovato un bel BUG!
Eh si!
Se tu nel messaggio scrivi due !! di seguito il telefono si impalla e lo devi spegnere e riaccendere!
Che gran cagata!
Come farò? Io che nei messaggi metto sempre un sacco di enfasi?
Mi abituerò a mettere gli spazi tra un ! e l’altro, oppure finirò col riavviare il telefono ogni cinque minuti???

Colgo l’occasione per dare l’estremo saluto al mio mitico Nokia N-Gage, il telefono-boomerang meraviglioso che mi ha accompagnato per due miseri anni, morendo nel momento meno opportuno per ben due volte e portandosi dietro tutti i numeri di telefono, soprattutto i più recenti che non avevo passato sugli altri telefoni!

Addio mio piccolo telefono a forma di lines seta ali, è stato bello essere guardata come un’extra terrestre ogni volta che ti portavo all’orecchio in posizione trasversale!

RIposa in pace, sempre che quel demente che ti ha riparato non riesca a riportarti in vita una seconda volta, almeno per il tempo di rifilare il pacco a qualche povero ignoto per una modica cifra che mi permetta di ammortizzare il costo del mitico e meraviglioso nuovo MagdaTelefonino!

Si lo so, probabilmente ti sei preso un gran bel virus, probabilmente è anche colpa mia che accetto files via bluetooth da sconosciuti… ma si insomma… sono cose che capitano!

Approposito, qualcuno vuole comprare un gran bel Nokia N-Gage???
:D

E tu dove sei? – Elezioni 2006

Pubblicato il 24 Marzo 2006 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


Che non vogliamo S.B. al governo questo è certo… ma sappiamo anche esattamente dove schierarci?
Cosa fare?
Sappiamo qual’è la coalizione o il partito più in linea con il nostro modo di pensare?

Se vi serve una mano, c’è finalmente un valido mezzo per non affogare nel mare di santini: un sito decisamente oggettivo.
Vi verranno poste 25 domande sulla vostra opinione circa 25 argomenti di interesse generale.
A partire dal maggioritario/proporzionale, legge Biaggi, droghe leggere, finanziamenti alle scuole private e simili.
In base alle vostre risposte (6 diverse gradazioni da “completamente daccordo” ad “assolutamente non daccordo”) vi verrà indicato il grado di allineamento con tutti i partiti che si presenteranno alle elezioni.

Vi troverete in una cartina con a varie distanze i vari partiti, quello più vicino è quello più in linea con le vostre idee.

Se riuscite a connettervi al sito (che è stracarico di visite ed ogni tanto cade) vale davvero la pena di fare il test!

Magari questa volta riusciremo a non pentirci! :D

Riferimenti: Fai il test – VOI SIETE QUI

Rompete questa dannata catena!

Pubblicato il 22 Marzo 2006 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.

Dieci giorni fa ero vittima dell’influenza…
Per non fare la solita lagnosa ho deciso di affrontare comunque una dannatissima visita ginecologica che rimandavo da un anno.
Tanto per gradire la dottoressa sembrava uno dei sette nani nell’esplorazione della miniera…
“Alla ricerca dell’utero perduto!”
Già, è stato più delicato l’idraulico il giorno che mi ha sturato il cesso!
Senza contare che quando ha finito sono praticamente svenuta, con sommo disgusto del mio orgoglio, e mi sono talmente intossicata di stress da veder fiorire sul mio bel labbro un herpes da competizione.
Mi sono iscritta ai campionati mondiali di herpes, e nemmeno li sono riuscita ad ottenere il primo posto.
C’è stato un ex aequo: uno che ce l’aveva sulla schiena e una che l’aveva sulla faccia.
Beh passo il turno… meglio niente signorina, meglio niente!

Stamattina, dopo un dolce risveglio grazie ad un sms molto carino, mi alzo per prepararmi.
Mi guardo allo specchio e la domanda sorge spontanea:
CHE CAZZO E’ QUELLO???????????????????????????????????????

Un Herpes! Ovvio no?
Un’altro… nel giro di otto giorni due herpes?
Ma è statisticamente possibile?
E’ biologicamente possibile?
E’ umanamente sopportabile?

Le risposte sono tutte e tre NO!
No cazzo! Non è possibile!

Ma ovviamente è successo!

Sarà perchè l’altro giorno il mio Nokia N-gage mi ha abbandonato per la seconda volta?
Sarà perchè si è portato dietro tutti i numeri di telefono che ci avevo rimesso?
Sarà perchè ieri ho passato la giornata aspettando una notizia che non è arrivata?

In ogni caso, mi armo di Aciclovir compresse, Aciclovir pomata.

“Questo stronzo lo stronco subito!”

Arrivo in ufficio impasticcata, mi impomato e fingo di non pensarci.
Mi chiama il capo… mi da ottomilasettecento compiti da svolgere, poi passa dopo un’oretta e io sono ancora in alto mare… vedo la riva da lontano… sulla riva qualcuno che agita la mano… in lontananza una voce “magdaaaaaaa…”

Mentre mi arrabatto per risolvere i misteriosi casi affidatimi dal capo, lui me ne assegna gentilmente altri quattro.
Mi agita dei fogli sotto il naso dicendomi di stamare un documento: ha il dito insanguinato.

“Che cos’hai sul dito?”
“Mi sono tagliato” – fa lui con nonchalance.
“Ecco, lo supponevo allora VAI A LAVARTI LE MANIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!”

Quando finalmente se ne va a sanguinare altrove cerco di mettere un capo e una coda a aquello che stavo facendo, nel frattempo il Phoenix su msn mi chiede come mai sono isterica…
Non sono riuscita a spiegarglielo.
Lui non ha dormito per via del mal di gola… ne vorrei dieci di mal di gola, anche le placche si si, però io gli cederei volentieri il mio herpes… “Ce l’ho doppio, tiè!”

Scrivo i vari ordini da fare ai fornitori, decriptando i geroglifici del capo, fumo otto sigarette in un’ora, appesto l’ufficio, nel frattempo bestemmio al telefono con Paccy e messaggio con Neo.

Alle 11.30 finisco le sigarette, i compiti assegnatimi sonos volti… c’è qualcosa che sicuramente ho dimenticato.
So anche per certo che il capo mi chiederà proprio quella, ma non importa.
Tiro un respiro di sollievo e decido di andare un attimo a comprarmi le sigarette.
Guardo fuori mentre mi infilo il giubbotto…
In un attimo inizia a diluviare, pioggia fitta, fortissimi scrosci… non sento nemmeno la radio dal casino che fa…

Ok niente sigarette
Mi risiedo, l’occhio mi cade sul pacchetto mollato in ufficio dal capo.
Lo prendo…
Ce n’è una… “cazzi suoi”
Me l’accendo e me la fumo, seminando cenere per l’ufficio.
Mi osservo dal di fuori, sembro una pazza isterica.

Si sono isterica!
E che ci posso fare?
Io quest’herpes proprio non lo volevo, avevo voglia di baciare… e ora non posso più farlo per almeno altri… cinque giorni…
Sai che bello!

A mezzogiorno riesco a finire tutte quelle cose che ho iniziato alle nove.

Piove ancora…
Quando alle 13 mi dirigo verso casa, la strada per rientrare a Cagliari è allagata, tiro fuori i remi dalla clio ed inizio a remare…
A un km da Cagliari IL SOLE!
ECCAZZO!

Io ho voglia…

Pubblicato il 21 Marzo 2006 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.

Oggi non stò tanto bene, sento un rimescolio interno, all’altezza del petto.
Qualcosa che preme, come quando mangi i peperoni.
Qualcosa che scuote piano, vibra, che anche quando non ci pensi, nell’angolo della mente senti che c’è.
Quella cosa che avvampa all’improvviso, che anche se cerchi di soffocare, non ce la fai e devi rinunciare.
Qualcosa dentro che vuole crescere.
Che vuole uscire e godere della luce del giorno, di questo meraviglioso sole, di queste stelle e dell’umido dell’aria di mare.
Fingo che nulla fosse, fingo che non c’è, che non esiste.
Ma improvvisamente risale lungo la gola, illumina i miei occhi fino a quando non riesco nuovamente a ricacciarla giù.
E’ la voglia.
La voglia di vivere.
La voglia di fidarmi ancora degli altri.
La voglia di credere ancora nella sincerità e nel futuro.
Per quanto mi sforzi di non crederci, per quanto mi sforzi di rinforzare le placche d’acciaio con cui ho rivestito me stessa, la mia sensibilità…
Nonostante tutto questo, la voglia di felicità mi chiude la gola.
Mi soffoca a volte e mi rende euforica altre.
Ho voglia di ridere, ho voglia di vivere, ho voglia di indipendenza, di tranquillità, di serenità.
Ho voglia di non avere paura.
Ho voglia di non nascondermi.
Ho voglia di dismettere anche solo per qualche istante le una, nessuna, centomila maschere che indosso.
Ho voglia di restare nuda davanti a qualcuno che non mi ferirà.
Ho voglia di amici, di calore, di estate, di falò.
Ho voglia di siddisfazioni, di rivincite, di vendette.
Ho voglia di perdono, di amore, di tenerezza.
Ho voglia di coccole, di carezze, di baci.
Ho voglia di dormire cullata.
Ho voglia di dormire osservata.
Ho voglia di tramonti, di albe e di giorni lunghi ed intensi.
Ho voglia di pace, serenità, dolcezza.
Ho voglia di tempo per me, di tempo per te, ho voglia di tempo, ho sete di tempo, io agogno tempo.

Io ho voglia…

Di peperoncino e nutella…

Pubblicato il 16 Marzo 2006 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.

La serata era organizzata.
Panino piccante al mitico arabo di via Satta.
La ricciola usciva dalla palestra alle 9, doccia lampo e per le nove e mezza dovevano essere da me, lei e il buon Egoge che in questo periodo è tanto mestruato.
Arrivo a casa alle 20.30, cazzeggio un pò, lavo i capelli (minkia son venuti cotonati naturali!), insomma alle 21.20 sono pronta.
Attendo lo squillo che mi comunicherà che sono arrivati.
Nel frattempo Keanu Reeves mi chiama, rispondo, cade la linea.
Lo richiamo, risponde, chiamata muta!
Mapporc….!
Mi richiama, chiamata muta.
Mi incazzo!
Segnale 3G due tacche, però vanno su e giù come un pozzo di perforazione petrolifera… strano… che stiano arrivando gli alieni?
Riprovo a chiamarlo, questa volta vado al piano di sopra dove il segnale 3G è più forte.
Mentre per la terza volta, la chiamata non va a buon fine, sull’altro cell mi arriva “Ti ha cercato…”.
Ah sono venuti a prendermi!
Acchiappo tutto al volo ed esco di casa, mi trovo fuori dalla porta la ricciola e Egoge incacchiati neri…
“Ti stiamo chiamando da trenta minuti!”
Guardo l’orologio, sono le 21,50!
Un buco spazio temporale? Un buco nero ha inghiottito la terra?
Boh!
Finalmente saliamo in macchina, il mio stomaco mi fa notare di essersi accorto del tempo che è trascorso.
Finalmente dalla macchina riesco a chiamare Keanu Reeves, il quale gentilmente mi rimprovera di avergli ciulato gli ultimi centesimi che gli permettevano di fare chiamate gratis con il cell… uhm…
Chiedo venia!
Arriviamo all’arabo, il locale è pieno ma fortunatamente stanno tutti mangiando, quindi ci sono poche persone da servire, ordiniamo e riusciamo anche miracolosamente ad occupare un tavolo fiondandoci prima che gli occupanti precedenti finiscano di alzarsi.
Egoge propone una birra spagnola… bottiglia da un litro.
Lo stomaco è sempre più incazzato.
Ci buttiamo dentro un bel bicchiere di birra fresca tanto per ingannarlo, e nel frattempo che aspettiamo chiacchieriamo di cazzi e mazzi.
Dopo mezz’ora la birra comincia a fare effetto, gli occhi della ricciola diventano sempre più stretti, lo sguardo sornione, io ho caldo, caldo da morire e le guance paonazze.
La prima bottiglia è andata via come se niente fosse, mi meraviglio degli scarsi effetti che ha avuto su di me, ma metre canto vittoria inizia la fase “brilla”.
Le cazzate si fanno sempre più pesanti mentre la ricciola, esasperata dalla fame rantola verso il bancone per protestare.
Dieci minuti dopo finalmente arrivano i panini.
Li divoriamo accompagnati da un altro litro di birra che scende giù come nulla grazie al peperoncino malefico dispensatoci abbondamente.
Pausa sigaretta mentre la ricciola fa la guardia a borse e giubbotti, fuori fa un freddo cane, la birra inizia a evaporare.
Dopo lungo dibattito sul proseguimento di serata, e dopo aver convinto la ricciola che nessuno di noi due voleva un altro mezzo panino da dividere con lei decidiamo per un cornetto alla nutella.
Saliamo in macchina, facciamo il giro, ci fermiamo al semaforo.
Egoge, che guida, si stufa di aspettare e decide che siccome sono le undici, siccome non c’è traffico, beh… tanto vale passare col rosso. “… sai prima che ci freghino il parcheggio!”
Passiamo col rosso, svoltato l’angolo ci parcheggiamo e metre chiudiamo i finestrini noto con la coda dell’occhio un lampeggiare bluastro.
Si affianca una volante.
“Favorisca patente e libretto”
Egoge sorride: “Certo!”
Gli da il tutto mentre ride e sbraita: “Chi mi ha convinto a passare eh?” cercando di dare la colpa a me e alla ricciola.
Siamo mortificati tutti e tre, la ridarella da imbarazzo, le facce di legno.
Dentro di me prego: “Fa che non abbia l’etilometro! Fa che non abbia l’etilometro! Fa che…”
Il poliziotto controlla i documenti, il tagliando dell’assicurazione… lunghissimi minuti di sudore freddo…
“Stava per perdere sei punti eh!”
Così dicendo il poliziotto restituisce i documenti ad Egoge, sale in macchina e se ne va!!!
Scampato pericolo!
Quale migliore motivo per festeggiare con un cornetto caldo caldo e saturo di nutella e cioccolato bianco??? :D

Io amo…

Pubblicato il 13 Marzo 2006 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


Io amo la vita,
Io amo la luce del sole che riscalda,
Io amo il mare della mia terra
Io amo gli animali,
Io amo chi ama,
Io amo chi è sincero,
Io amo le nuvole,
Io amo le stelle,
Io amo la spiaggia deserta la notte,
Io amo il silenzo,
Io amo il chiasso,
Io amo un abbraccio,
Io amo i piedi caldi,
Io amo i libri,
Io amo la fantasia,
Io amo mia madre,
Io amo mio padre, anche se non glielo dirò,
Io amo i miei amici… immensamente,
Io amo i miei gatti,
Io amo fare shopping,
Io amo le carezze,
Io amo le mani che tringono le mani,
Io amo gli sms,
Io amo le sorprese,
Io amo i peluches,
Io amo la natura,
Io amo le gite,
Io amo i neri,
Io amo i bianchi,
Io amo i gialli,
Io amo il mondo,
Io amo la sincerità,
Io amo fare l’amore,
Io amo i baci
Io amo i sospiri,
Io amo la solitudine,
Io amo la compagnia,
Io amo il mio blog,
Io amo la mia vita,
Io mi amo,
Io amo l’amore,
Io amo tutti voi.

Io Odio…

Pubblicato il 9 Marzo 2006 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


Odio chi si definisce amico e non lo è
Odio chi non ha il coraggio di dire le cose chiaramente, per quanto difficile possa essere
Odio dover stare in ufficio quando fuori splende il sole
Odio le persone che non sanno spiegarsi
Odio le persone che si perdono in giri di parole
Odio quella stronza della mia amica che fa la troia a destra e a manca
Odio le ginecologhe quando hanno la delicatezza di un elefante
Odio il mare quando non possovederlo
Odio la pioggia
Odio il cielo grigio
Odio non avere tempo
Odio avere fretta
Odio non avere soldi
Odio non avere nulla da fare
Odio le mie debolezze
Odio incontrare la persona sbagliata al momento giusto
Odio incontrare la persona giusta al momento sbagliato
Odio mio padre che non sa nulla di me
Odio mia madre quando mi soffoca
Odio il freddo
Odio l’inverno
Odio essere noiosa
Odio stare male
Odio l’ansia
Odio quando non so dire di no al cibo
Odio le persone quando ti inseguono per mesi e quando ti lasci prendere scappano
Odio quando l’uomo che mi piace mi parla delle sue conquiste
Odio gli amici quando ti trascurano
Odio quando racconti qualcosa e vieni interrotta
Odio quando pensi che quella persona sia interessante invece poi ti cade dai coglioni
Odio essere delusa
Odio sognare e non poter realizzare
Odio l’impossibilità di scappare
Odio le malattie
Odio chi odia gli animali

Odio, sono colma di odio…

E se oggi…?

Pubblicato il da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


E se oggi non avessi voglia di sorridere?
E se oggi non avessi proprio voglia di stare a sentire ciò che avete da dire?
E se oggi volessi concentrarmi su me stessa, su ciò che cerco e non trovo, su sensazioni che sfuggono non’appena riesco a conquistarle?

Tutto mi sfugge tra le dita, persone, interessi amori.
Tutto scandito dal ritmo nauseabondo di sveglia, doccia, macchina, lavoro, macchina, pranzo, macchina, lavoro, macchina, cena, letto…
E’ un loop in cui sono imprigionata, un loop che mi soffoca, che mi annoia.
I barlumi di luce che sprizzano improvvisi sul mio cammino non fanno che spegnersi come fuochi fatui ed io sono stufa.
Fate a meno del sorriso che vi donerei, oggi non ne ho voglia, sorrido abbastanza per me anche quando non c’è nulla da sorridere.

Oggi non ho voglia.
“Oggi non ho tempo, oggi voglio stare spento!”

Bentornata Camporella

Pubblicato il 7 Marzo 2006 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


L’associazione “Donne e qualità della vita” ha reso noto il risultato dell’inchiesta eseguita su 350 donne tra i 18 e i 55 anni circa la tendenza al fare sesso al di fuori delle canoniche mura domestiche.
Il risultato è soprendente.
La maggior parte di loro consuma i propri rapporti in auto, e fin qui va tutto bene.
Anche io infatti sono un’estimatrice del sesso su quattro ruote, come dissi in quelche post infatti, l’auto offre appigli per posizioni e acrobazie altrimenti impossibili, sempre che l’auto in questione però sia abbastanza comoda e capiente.
In caso di Smart invece, rivolgetevi a Surj che senz’altro vi presterà il suo “Sesso in Smart”, che tra l’altro non si capisce il perchè ce l’abbia visto che non possiede una Smart… Certo che gli amici a volte hanno davvero cattivo gusto! :D
Dicevamo quindi, la maggiorparte delle donne preferisce l’auto, ma la cosa più sconvolgente e il dove la parcheggiano.
Pare infatti che le così dette “camporelle” si consumino in parcheggi di market, areee di servizio e simili.
Cosa abbastanza comprensibile nelle grandi metropoli, ma decisamente fuori luogo in città ancora vivibili e dai confini ben distinti quali Cagliari ad esempio, che dispone ancora di areee preposte alle camporelle e con una certa dose di panorama atto a creare atmosfera.
Il sondaggio indica anche l’orario preferito per tali pratiche, e ammetto di non provare particolare sorpresa nello scoprire che l’orario migliore per consumare la camporella (almeno in inverno, quando il sole cala prima) sia dalle 17 alle 19.
E qui si spalanca una serie di motivazioni, a mio parere tutte estremamente fantasiose ma riassumibili con un solo vocabolo: “tradimento”.
Quale altro motivo può portare due individui sani a consumare con regolarità i loro coiti in orari così improbabili?
Si esce dall’ufficio chiamando a casa e avvisando che si farà tardi per cause di lavoro, insieme al partner che ha eseguito la medesima operazione ci si reca nel parcheggio più squallido della zona e si consuma un coito più o meno lungo, più o meno appagante ma sempre ai confini della legalità. Dopo di chè si rientra trafelati a casa dal/dalla compagno/a, stanchi e di malumore per il “troppo lavoro” e con un “gran mal di testa”, pronti per la cena dopo una bella doccia ristoratrice, appagati e forse qualcuno anche con un piccolo senso di colpa che pizzica ma che viene presto messo a tacere, almeno fino al prossimo “strordinario”!

Di qua seguono alcuni consigli pratici che mi sento di darvi, possibilmente per consumare le camporelle coi vostri partner ufficiali… si insomma se non vi piacciono più mollateli!!!
Se semplicemente vi annoiano, provate a portarli in campagna… magari donerete un tocco di novità e di pepe alla vostra relazione stanca!

- Visti gli orari improbabili spendete qualche decina di minuti di più per raggiungere un luogo quantomeno leggermente campestre, il rapporto ne guadagnerà in atmosfera. Inutile dirvi che un coito vista tangenziale può anche avere il suo fascino in momenti di morbo assolutamente incontrollabile, ma a lungo andare diventa a dir poco squallido.

- Ricontrollate l’auto per eventuali prove sfuggite quali cartine di preservativi e fazzolettini vari. Questo sia nel caso siat soliti trasportiate il vostro partner ufficiale, ma anche in caso i vostri passeggeri siano bambini o peggio genitori. Io stò ancora cercando la carta di un preservativo scomprsa l’anno scorso. Non è mai stata ritrovata e presumo salterà fuori nel momento meno opportuno! So anche di qualcuno che se l’è ritrovata incollata sulla chiappa destra, quando poi a casa si è spogliato per mettersi in doccia!

- Non gettate i vostri maledetti rifiuti fuori dai finestrini! Sarà anche brutto tenerseli in macchina, ma c’è sempre un cassonetto prima di arrivare a casa, statene certi che non ve lo dimenticherete se vi tenete il fagotto in bella vista o in grembo, si insomma, molti posti belli e suggestivi appaiono come discariche, uccidendo la poesia del bel panorama in favore dell’effetto “neve di fazzoletti”. E poi ricordate che ci tornerete anche voi, quindi non lamentatevi poi se il posto fa schifo! Oltretutto l’involucro dei preservativi non è biodegradabile!

- Se possibile non mettetevi troppo vicini ad altre macchine, è sempre possibile incontrare qualcuno che si conosce, ed in alcune situazioni è meglio essere in prossimità di estranei piuttosto che di conoscenti, soprattutto se il vostro incontro è clandestino e soprattutto ora che le giornate si allungano e in certi orari c’è ancora luce :D

- Se arriva la volante, desistete! A me è successo che una camionetta dei Caramba si piazzasse dietro l’auto con faro potentissimo in direzione abitacolo. In simili situazioni la fantasia crolla, senza contare che se i Caramba sono in vena c’è sempre l’imputazione di atti osceni in luogo pubblico… Che poi di atti osceni se ne vedono molto più in centro, con gente vestita in modo improbabile, con trucco osceno e profumi nauseabondi in cui i cagliaritani sono soliti fare il bagno prima di uscire!

- Portatevi una bottiglia d’acqua, la sete vi verrà, eccome!

- Se non siete degli estimatori del genere evitate i piazzali noti per la frequentazione di scambisti, non è carino cacciare a pedate un uomo nudo che tenta di infilarsi nella vostra macchina. E soprattutto due uomini nudi che fanno a pugni sono uno spettacolo che vi consiglio di risparmiarvi!

- In caso di predilezione per posizioni animalesche quali la pecorina, munirsi di casco integrale onde evitare bernoccoli.

A parte questi utili consigli, posso farvi l’elenco delle auto più comode per tali attività, o quantomeno quelle da me certificate!

- Renault Clio vecchio modello (figata!)
- Mercedes Classe A (una reggia!)
- Audi A3 (ottima, cofano compreso)
- Wolkswagen Golf (scomodina)
- Peugeout 106 del ’95 (un vero salotto!)
- Peugeout 206 (insomma…)
- Opel Astra SW (peccato per le bruciature da velluto!)
- Fiat Panda vecchio modello (ottimi ammortizzatori ma occhio alle escoriazioni e all’effetto lamiera gelida che provoca improvvisi ammosciamenti :D )

Aspetto i vostri consigli su procedure ed auto, per il resto, buona camporella a tutti!