LaCaraCollega

Pubblicato il 27 Ottobre 2005 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


Oggi io e la Macchietta eravamo indaffaratissime ad esporre la merce sportiva.
Come potete immaginare ci vuole criterio nell’esposizione, quindi dovevamo spostare degli articoli per fare posto ai nuovi…
Lei si occupava del reparto uomo e io di quello donna.
Le ho spiegato cosa doveva spostare e come e quando si è girata per andare a farlo, ha preso di malo modo uno stender facendo cadere delle grucce.
Pareva arrabbiata allora le ho chiesto come mai e se per caso avessi detto qualcosa che non andava.

Con un sopracciglio sollevato e le mani sui fianchi ha tuonato:
“E’ uno sporco lavoro, ma qualcuno lo deve pur fare!!!”

Si è girata ed è tornata a lavoro!

Cute and cuddly boys!

Pubblicato il 26 Ottobre 2005 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


Andare in giro la domenica come se ti fossi fumata quindici canne non è l’ideale.
Dopo la sveglia alle 10.30, reduce da un attacco di artrosi cervicale che nemmeno Melman la Giraffa ha mai provato mi

trascino a passo di leopardo al computer.
La casa è meravigliosamente vuota!
Piano piano gli omini del messenger diventano verdi… sembra l’alba dei morti viventi.
Faccio due chacchiere con tizio e caio, sempronio dorme ancora.
C’è qualcuno che è altrove, probabilmente devastato dal sonno e dalle zanzare, chissà!
Faccio una pausa e mi sbrigo l’igiene personale poi torno in chat.
Non ho nessuna voglia di uscire di casa, mi faccio addirittura bastare le sigarette, io che le uso sempre come scusa per

uscire di casa…

Dopo il pranzo consumato da sola, senza pretese, torno al pc, scarico musica (sono innocente!!!) e cazzeggio in webcam con un

amico.
Il richiamo del letto è sempre più forte ma il richiamo della Paccy alla fine ha la meglio, mi preparo in un attimo e sono

fuori.
Il sole è caldo, al semaforo boccheggio con i finestrini aperti e lo sguardo vacuo mentre nelle casse strilla Robbie

Williams.
Verso lo stadio un giovane uomo stravolto come me mi sorpassa fissandomi attentamente, lo ignoro e poco dopo lo risorpasso

fissandolo intensamente.
Bi Biiiiii!
Clacsonata di lui; chissà chi era, dove andava, e se era bono come sembrava!E chi lo vede più???
Dovrei organizzarmi un cartellone con il mio numero!
Ho sempre pensato che fosse un’ottima idea che i gestori si mettessero daccordo e rendessero possibile l’invio di sms al

numero di targa della macchina che vi interessa… cacchio sarebbe utile per conoscere persone che altrimenti rischieremmo di

non contrare mai più!
E se era l’amore della mia vita?
E se era un trombador da competizione?
Io ora come faccio, che son curiosa come un Babbuino della Nuova Papuasia?

Che dite?
DOvevo seguirlo?
E perchè mai?
Poteva seguirmi lui anzichè girare allo stadio, che ci andava a fare allo stadio da solo?
Non c’era nemmeno la partita!!!

Cosa??
Che macchina aveva?
E che ne so!
Mica guardavo la macchina, guardavo lui, bello, moro, con gli ochciali da sole…
Magari poi se li toglie ed è strabico… oppure scende dalla macchina ed è un nano… si insomma…

Resterà un Mistero!

Manda in vacanza il tuo peluche!

Pubblicato il 23 Ottobre 2005 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


Il vostro peluche è stanco e stressato?
Il suo pelo risulta sempre più opaco e sfibrato?
Allora è giunto il momento di mandarlo in vacanza, ovviamente voi lo potete accompagnare!
Infatti un’agenzia di viaggi tedesca organizza periodicamente e per gruppi di massimo dodici peluches delle splendide vacanze all’insegna di gite, pic-nic, golf, voli in parapendio e bingee jumping.
Ovviamente il tutto corredato da foto ricordo, e per la modica cifra di 100/145 euro a peluche.

Martedì pomeriggio :)

Pubblicato il 19 Ottobre 2005 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


Il malumore mi attanagliava ma la voglia di reagire era ancora più forte!
Sono andata a lavoro a passo di carica, come una pazza isterica suonavo il clacson a tutti quelli che intralciavano la mia strada, sospetto di aver avuto anche gli occhi iniettati di sangue e la bava alla bocca!
Parlavo al telefono col Minkios, ammorbandolo con i miei dispiaceri mentre quello, mischino, pensava alle due sue costole fratturate e all’impossibilità di fare sesso nei prossimi trenta giorni.
Si sa, quando una cosa non la fai da secoli per libera scelta è diverso da quando ti viene vietata o proprio non ce la fai.
La voce del Minkios era un misto di dolore e raucedine da divano.
Homus Bradipus alla carica…
A lavoro per fortuna c’era la mia collega, la mia macchietta.
Dopo varie chiacchierate ho deciso di andare in cartoleria a comprare un block notes visto che quello che avevo era finito e oramai scrivevo sul cartone che stà nell’ultima pagina, e ho deciso anche di approfittarne per gratificarmi.
Noi donne, si sa, abbiamo nello shopping un valido psicofarmaco naturale anche se non certo a buon mercato.
Arrivata in cartoleria mi sono subito innamorata di un portachiavi quantomeno ingombrante e per fortuna non carissimo rappresentante l’amico asinello di Winnie The Pooh (ma faceva davvero parte dei Pooh? E che canzone cantava???).
Il problema è che il mio portachiavi ora è più simile ad un lampadario stile barocco che ad un normale oggetto destinato a rintracciare facilmente le chiavi in borsa… anzi, in borsa oramai proprio non ci entra!
Il colpo di grazia me l’ha dato la collega che con fare divertente ci teneva a raccontarmi: “Se vedi le SPARATE che abbiamo CAZZATO!!!”.
E’ stato troppo!
Sono scoppiata a ridere e piegata in due sono corsa alla cassa a cercare un Post-it per fissare per sempre questa mitica frase; nonsotante il disappunto della mia collega.
Sa di finire in questo blog, si è anche quasi offesa, ma non ci posso fare nulla se lei è fatta così e non si rende nemmeno conto di quanto è simpatica e di quantò allieta le grigie giornate da commessa:)
Siamo rimaste piegate in due dalle risate per una buona mezz’ora!

Ora vado a lavoro, piove a dirotto ma non importa, in fondo stà arrivando l’inverno, ci dobbiamo fare il callo visto che in questi ultimi anni in Sardegna ha piovuto più che nella foresta pluviale durante la stagione delle pioggie!

Una buona giornata a voi e una a me!

Buona Vita!

Missssssssssssss

Sabato Pomeriggio!

Pubblicato il 15 Ottobre 2005 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


Tranquillo pomeriggio a lavoro.
La nuova collega è una macchietta, sembra uscita direttamente dalle comiche di Carlo Vanzina, è capace di sparare frasi del tipo “questa scaatola è senza mutanda” candidamente davanti a 5/6 clienti imbarazzati.
L’altro giorno è riuscita ad incastrare un chiodino nel magnete dell’anti-taccheggio…
Ho dovuto trasformarmi in Mac Gyver per estrarlo, facendo leva nell’ordine con una pinzatrice, un paio di forbici, una bic, una gruccia apinza e altri oggetti di cui non ricordo il nome.
Alla fine il chiodino l’ho girato ed invertendo i poli questo è schizzato via a 120 km/h rischiando di lesionare la cornea di una cliente sprovveduta che girava per il negozio.

Avendo da una settimana l’influenza, con relativi problemi dovuti all’abuso di medicinali il pomeriggio l’ho trascorso lavorando e cercando disperatamente di digerire gli scampi che golosamente avevo ingurgitato oggi a pranzo.
Tra un ruttino e l’altro, mentre piegavo i maglioni molto gentilmente DEVASTATI dai clienti, mi contorcevo in preda ai bruciori di stomaco, cercando di decidere se dare la colpa agli scampi o al pastiglione di antibiotico da 500mg.
Alla fine ho lanciato un muto e disperato grido d’aiuto al caro Minkios.
“Ti prego, se passi portami una Maalox!”

Per fortuna il minkione ha avuto pietà di me, è arrivato con la faccia da crocerossino porgendomi due Maalox.
Fortunatamente l’effetto è stato quasi immediato, e dopo aver sonoramente ruttato ho buttato giù tutto senza battere ciglio.

Il Minkios poi, trattandosi di nullafacente cazzeggiatore per tutti i sabati della sua vita, si è trattenuto allitandoci con immagni cazzate sulla sua presunta e mai dimostrata prestanza sessuale, e sbandierando ai 4 venti presunti sms di donne vogliose che, lo sappiamo tutti, si scrive da solo!

All’ora della chiusura non si è nemmeno sprecato ad abbassare le 4 serrande pesantissime del negozio, facendosi letteramente caicciare via per l’ennesima battuta a doppio senso della serata!

Buon sabato a tutti…. e domani è domenicaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!

Non me lo so spiegare – Tiziano Ferro

Pubblicato il 14 Ottobre 2005 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


Un po? mi manca l?aria che tirava
O semplicemente la tua bianca schiena..nananana
E quell?orologio non girava
Stava fermo sempre da mattina a sera.
come me lui ti fissava
Io non piango mai per te
Non farò niente di simile…nononono
Si, lo ammetto, un po? ti penso
Ma mi scanso
Non mi tocchi più

Solo che pensavo a quanto è inutile farneticare
E credere di stare bene quando è inverno e te
Togli le tue mani calde
Non mi abbracci e mi ripeti che son grande,
mi ricordi che rivivo in tante cose…nananana
Case, libri, auto, viaggi, fogli di giornale
Che anche se non valgo niente perlomeno a te
Ti permetto di sognare
E se hai voglia, di lasciarti camminare
Scusa, sai, non ti vorrei mai disturbare
Ma vuoi dirmi come questo può finire?
Non melo so spiegare
Io no me lo so spiegare

La notte fonda e la luna piena
Ci offrivano da dono solo l?atmosfera
Ma l?amavo e l?amo ancora
Ogni dettaglio è aria che mi manca
E se sto così..sarà la primavera..
Ma non regge più la scusa…

Solo che pensavo a quanto è inutile farneticare
E credere di stare bene quando è inverno e te
Togli le tue mani calde
Non mi abbracci e mi ripeti che son grande,
mi ricordi che rivivo in tante cose…nananana
Case, libri, auto, viaggi, fogli di giornale
Che anche se non valgo niente perlomeno a te
Ti permetto di sognare..
Solo che pensavo a quanto è inutile farneticare
E credere di stare bene quando è inverno e te
Togli le tue mani calde
Non mi abbracci e mi ripeti che son grande,
mi ricordi che rivivo in tante cose…nananana
Case, libri, auto, viaggi, fogli di giornale
Che anche se non valgo niente perlomeno a te
Ti permetto di sognare
E se hai voglia, di lasciarti camminare
Scusa, sai, non ti vorrei mai disturbare
Ma vuoi dirmi come questo può finire?

QUesto la dice lunga…

Pubblicato il 13 Ottobre 2005 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


Non sopportava più la fidanzata, detenuto ai domiciliari torna in carcere

Non ne poteva più della fidanzata. Così un marocchino di 24 anni Amhed Salhi che stava scontando una condanna di nove mesi agli arresti domiciliari è andato dalla polizia (commettendo quindi il reato di evasione) chiedendo di poter essere arrestato e di scontare la pena in carcere anzichè in casa perchè non sopportava più la sua compagna.
Gli agenti lo hanno ascoltato esterrefatti e il giudice alla fine lo ha accotentato Salhi è stato condotto nel carcere delle Novate dove trascorrerà il periodo di pena che deve scontare. Quanto all’evasione sarà giudicato dal tribunale di Ferrara.
Il giovane algerino e la ragazza vivevano insieme a Ferrara dopo una serie di furibondi litigi la decisione di chiudere la relazione. “Ma con tutte le città che ci sono fra Ferrara e Piacenza perchè proprio qui vieni a farti arrestare?» hanno chiesto ancora quelli della Mobile. “Beh – ha risposto – a Piacenza ero già stato arrestato una volta e mi sono trovato molto bene”.

E mi astengo da qualsiasi commento!

Niùs

Pubblicato il 8 Ottobre 2005 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


Eh si, son tornata, più carica che mai direi!
In questi giorni mi son ricordata di essere la vecchia Magda che tutti conoscete e mi sono anche risvegliata dal mio torpore, dall’apatia, dal cazzeggio!
Sarà che a lavoro va bene per il momento stò imparando nuove cose con cui non mi ero confrontata.
Sarà che ho degli amici stupendi che si prendono cura di me!
Sarà che quando esco spesso sono beata tra gli uomini, e si sa i maschietti sono spassosi.
Sarà che i vecchi corteggiatori si stanno facendo tutti avanti…
Sarà anche che le nuove conoscenze finalmente prendono una piega interessante… o anche che qualche vecchia fiamma mi ha gentilmente confortato…
Insomma una serie di cose che rendono meno amare certe pillole!
Vi auguro buona vita, chiunque voi siate, avunque siate e qualsiasi cosa desideriate…
…ma soprattutto auguro buona vita a me, perchè come mi amo io non mi amerà mai nessuno!

Vi bacio tutti appassionatamente!

Magda

L’ingordigia, si sa, fa male alla salute…

Pubblicato il 7 Ottobre 2005 da @@@Magda@@@.
Categorie: Senza categoria.


Ingordigia senza limiti, pitone mangia un alligatore di 2 metri e scoppia

L’ingordigia spesso gioca brutti scherzi. “Mi sento scoppiare”, è la frase che molti pronunciano al termine di un pasto abbondante. Una metafora che per una volta si è trasformata in realtà, per fortuna nel mondo animale.
Un pitone ha mangiato un alligatore ed è letteralmente scoppiato aprendosi in due. È successo in Florida, Stati Uniti, nell’Everglades National Park dove un serpente di ben 4 metri ha voluto fare il gradasso ingerendo un alligatore di 2 metri.
Troppi per il corpo del rettile che si è gonfiato ed è scoppiato quasi fosse un palloncino. Del resto cosa poteva pretendere l’ingordo pitone che ha tentato di consumare un pasto pari quasi alla metà del suo peso?.