Non disturbatemi perchè stasera….

Pubblicato il 22 Gennaio 2004 da @@@Magda@@@.
Categorie: Televisione.


… stasera ho un impegno…..
Avete presente?
“Raaaagaaaaaaziiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!”

Si stasera ricomincia Il Grande Fratello!

Lo so, lo so!
Pensate, come tutti noi, che il GF è una porcata, che è una boiata!
Lo penso anche io, ma ciò non toglie che mi piace guardarlo, perchè mi diverte, perchè mi vien da ridere vederli la dentro, con le loro fisime, le paure, le porcaggini, le schifezze.

In fondo loro sono lì perchè gli piace venir guardati, e a me in fondo diverte guardarli.
Con i guanti, con i piedi di piombo, ma mi diverte!
Quest’anno hanno pure provato e ficcarci dentro un prete e non posso pensare che veramente il prete ci volesse andare di sua spontanea volontà!
Però non vi nascondo che sono proprio curiosa, stasera, di vedere chi finisce dentro quella casa.

Vabbè, secondo voi sono malata, ma ogniuno di noi ha le proprie debolezze! :)
Vi farò sapere che ne penso!

raaaaagaaaaaaaazzzzziiiiiiiiiiiiii

(Barbara D’Urso però ce la potevano risparmiare!)

Le donne sono davvero delle tritapalle?

Pubblicato il da @@@Magda@@@.
Categorie: Argomenti vari.


Molti uomini ci definiscono tritapalle.
Letteralmente significa tritare gli attributi maschili.
E’ possibile che ciò sia vero, anche se andando a fondo le difficoltà di comprensione tra i due sessi possono essere considerate un “botta e risposta”.

Certo è vero che quando usciamo con i nostri “lui” per i centri commerciali, ogni scusa è buona per fermarsi a vedere in ogni minimo dettaglio l’esposizione di ciascun punto vendita.
Perchè comunque voi uomini, non capite l’importanza di comprare un capo più bello di quello della nostra collega e soprattutto l’assoluta necessità di pagarlo almeno la metà di quanto lei ha pagato il suo!

Ma perchè quando uscite con noi non provate a guardarvi intorno anche voi, magari trovate un paio di pantaloni che non siano quelli orribili che portate addosso?

E soprattutto perchè i centri commerciali vi provocano debolezza alla vescica con conseguente pisciarella????

Poi, perchè è assolutamente necessario scaldare le lenzuola gelide con i peti?
Ci sono anche le termocoperte.

E soprattutto, vi lamentate del fatto che abbiamo sempre dei magoni, ma avete mai scoperto che:
- i piatti con si lavano da soli nemmeno cantanto bibidi-bobidi-bù!
- i calzini, per quanto sporchi, non arrivano mai da soli a cesto,
- le bollette non sono ancora telecomandabili per mandarle da sole alla posta.
- il pomodoro in offerta serve per fare il sugo e la pasta, non è che ci emozioniamo per poco!
- la tavoletta del water non si abbassa da sola anche se fate le puzze forti!
- l’aspirapolvere non è pericoloso
- il ferro da stiro, per usarlo va attaccato alla presa!
- Più il nostro culo cresce e più noi perdiamo vitalità!
- il perizoma non è comodo per andare a dormire!
- i tacchi a spillo non sono l’ideale per andare a far spesa.

E tante altre belle cose che non stò qua a raccontarvi, ma che se ci pensate bene potete capire. Molti sono gli oggetti in casa che sembrano tornare magicamente al loro posto, ma non è così, in genere siamo noi tritapalle che le mettiamo a posto mentre non ci siete, o mentre ci siete e non ci cagate!

Vorrei inoltre rimarcare il fatto che parlare della vostra macchina non ci emoziona e non ci fa venire le caldane, anzi l’ultima volta che Nerone mi ha parlato della sua macchina mi è venuta l’orchite!

E’ tutto così bellissimo!

Pubblicato il 16 Gennaio 2004 da @@@Magda@@@.
Categorie: Argomenti vari.

E’ tutto così bellissimo!
Il trentuno dicembre mentre guidavo sentivo rrrarrrrarrraaaaaaaa.
Il cuscinetto tendicinghia non ha sopportato di andare altre e ci ha lasciati, così senza una parola di commiato, nemmeno un bigliettino sul cofano. Il meccanico lo ha seppellito per la modica cifra di centoventieuro!

L’altra notte Pimpa si ricorda di essere una gatta e misteriosamente decide di entrare il calore piagniucolando per tutta la notte salvo quando la chiamavo sul letto e l’accarezzavo tipo frullatore.

Il frigorista ha riparato il frigo con una semplicissima e “economica” ricarica di gas a sessantaeuro!
Bene! Finalmente abbiamo il frigo e possiamo fare un pò di spesa e smettere di fare la spola tra casa e mamma con tanto di tegamini in stile lunch!
Ecchettisuccede????

Il frigo da ieri fa un bellissimo e artistico FIIIIIIIIIIIIIIIII ogni cinque secondi.
Un rumore flebile ma martellante, roba da mettere la tv a palla per non sentirlo.
E mamma che telefona: devi andare a ritirare i pass della zetatielle, e spala spala cacca di galatea.
Mirò che caga come cento gatti che cagano.
Il vicino che amorevolmente rivolto alla figlia o al cane:
“se non la smetti…. se non la smetti…. ti scallu a corpusu!”.
Che carino!

Per capodanno ho cucinato due cotechini con 2 kg di lenticchie e nessuno ne ha mangiato perchè eravamo pieni di schifo!

Ho il mal di collo cronico da settimane grazie a questa leggera brezzolina da 100 km/h.

Nonostante tutto rido scherzo e penso a isterica che stà moooooolto peggio di me!
Un bacio a tutti e un abbraccio.
ciè!

Le delusioni dell’amicizia

Pubblicato il 8 Gennaio 2004 da @@@Magda@@@.
Categorie: Argomenti vari.

Le delusioni che si ricevono dalle/dagli amiche/amici sono a volte equiparabili a quelle d’amore.
Le persone a volte si reputano perfette, e se non lo sono, fanno di tutto per sembrarlo.
Ci sono persone che si permettono di sindacare sul modo in cui un’altra persona conduce la propria vita.
Ci sono persone che pur non lavorando se non due ore al giorno e studiacchiando per altre due ore, si permettono di venire a dirti come impiegare il tuo tempo.
Si permettono di criticarti perchè trascuri qualcosa e poco gliene importa se tu hai un lavoro, una casa da gestire, inumerevoli animali, un uomo con cui condividere la vita, una famiglia e mille altre cose a cui pensare.
Sono persone che non hanno debolezze e non le tollerano negli altri, persone che ti danno una mano e se lo segnano nell’agenda sotto la voce “dare” come fosse una prima nota cassa.
Persone che dimenticano che sei stato al telefono ad ascoltare i loro pianti di quando è morto il porcellino d’India, sei stato ore ad ascoltare i pianti di quando lui la trascurava.
Ci sono persone che dimenticano che per la loro bella faccia ci hai rimesso dei soldi, il fegato e la salute con terzi amici loro.

Proprio quelle persone che decidi di accettare per quello che sono, prendendo il bene e perdonando il male, senza malizia e senza tenerne conto nella prima nota cassa.
Proprio quelle persone che tu accetti, ma che loro non ti accettano per quello che sei, che pretendono da te la perfezione, pretendono che tu viva come loro, che tu pensi come loro, che tu agisca come agirebbero loro.
Persone che ti spingono a far traboccare il tuo vaso “goccia a goccia” come una sorta di stillicidio, che ti aspirano ogni energia, che ti sfiancano con mille piccoli problemi.
Che ti perseguitano con mille piccoli “Ho deciso che…”, “Credo che dovremmo…”, “Secondo me è meglio se…”.
E tu sei lì che annuisci, che provi a dibattere, che contratti, che ti spacchi le orecchie con i “se” e con i “ma”!
Ci sono quelle persone che non si mettono mai in gioco, che hanno le spalle coperte e che non sanno cosa vuol dire “arrivare a fine mese”, che non sanno cosa vuol dire “mettere benzina”, che non si sanno lavare nemmeno le mutande, ma che ti vogliono insegnare a vivere, a gestirti.

Persone che hai provato a tenere buone combattendo e cedendo a tratti.
In un continuo altalenarsi di affabilità e discussioni.
Mi sono stancata.
Di sembrare come non sono
Di obbedire
Di approvare
Di provare
Di fare
Di annuire
Di sopportare
Di condividere
Di ascoltare
Di capire!

E a me chi mi capisce?